A silvia

Silvia, rimembri ancor quel tempo della tua vita mortale, quando beltà splendea negli occhi tuoi ridenti e fuggitivi, e tu, lieta e pensosa il limitar di gioventù salivi?

Non conoscevo Silvia. Ma avevamo molti punti in comune: era giovane, brillante, carina, con un ragazzo più grande di lei ed entrambi condividevano la passione per la corsa. Come me. Sicuramente è per questo che la vicenda mi ha toccato profondamente. E anche perché è successa a Udine. Capita spesso anche a me di andare a correre da sola, proprio perché correre in coppia non è pratico: ognuno ha il suo ritmo e se il più veloce va al passo della lenta non si allena!
Immagino quindi come si è sentito l’amico/frequentante quando ha fatto la macabra scoperta…tutto perché l’ha lasciata correre da sola…
Sinceramente all’ inizio “speravo” quasi in un delitto passionale, magari ad opera dell’ex. Mi sembrava così assurda una morte ad opera di uno sconosciuto con più di 10 coltellate…e invece è andata proprio così.
Chi ha il coraggio di andare a correre da sola per campi adesso? Io no.
Domenica a Udine, Silvia, correrò per te.
Adesso puoi proteggere da lassù tutte le runners.
Ciao Silvia.

 

Advertisements