Spiedini di gamberi e guanciale con lenticchie al curry

Un piatto invernale dal vago sapore etnico che farà la sua figura per il cenone della Vigilia di Natale o a Capodanno, ma che è l’ideale anche per una veloce e sfiziosa cenetta a lume di candela.

INGREDIENTI per 2 persone:

90 gr di lenticchie secche

2 cucchiai di verdure miste per soffritto (sedano, carota, cipolla)

8 code di gamberi

8 fettine di guanciale

un rametto di rosmarino

brodo vegetale

sale e pepe

un cucchiaino di curry

burro

PROCEDIMENTO: Mettete a rosolare in una padella le verdure da soffritto con una noce di burro e il cucchiaino di curry. Risciacquate le lenticchie sotto l’acqua corrente e aggiungetele al soffritto. Fate andare per alcuni minuti, poi aggiungete il brodo vegetale caldo fino a ricoprire completamente le lenticchie. Abbassate il fuoco e coprite con un coperchio.

Mentre le lenticchie cuociono, tagliate il guanciale a fettine sottili, prendete i gamberi e avvolgeteli con il guanciale, poi infilzatene 2 per spiedino, per lungo. Quando sono passati circa 25 minuti (le lenticchie ce ne impiegano circa 35 per cuocere), mettete a scaldare la bistecchiera con una noce di burro. Quando è bella rovente appoggiatevi gli spiedini e cuoceteli 5 minuti per lato.

Nel frattempo le lenticchie dovrebbero essere cotte: assaggiatele e aggiustatele di sale e pepe se necessario.

BUON APPETITO!

Advertisements

Peperoni Ripieni

Da un anno e mezzo a questa parte ho la (s)fortuna di pranzare in mensa aziendale:

– FORTUNA perchè spendo pochissimo e non devo perdere tempo a prepararmi il pranzo a casa;

– SFORTUNA perchè la maggior parte delle pietanze proposte sono a malapena mangiabili!

Ci sono alcune cose però per le quali vado quasi pazza, come la pizza in teglia, il filetto di maiale alla senape e… I PEPERONI RIPIENI!! Come li fanno loro sono una bomba (formaggio, salsiccia e chi più ne ha più ne metta!), ma sono buonissimi!

Così una sera mi è venuta voglia di farli a casa, una versione sicuramente meno grassa ma comunque sfiziosa!

INGREDIENTI PER 2 PERSONE:

2 peperoni medio-piccoli

200 gr (abbondanti…”che faccio, lascio?”) di carne macinata di manzo

2 fette di prosciutto crudo (circa 25gr.) sminuzzate

30 gr di montasio tagliato a dadini

una grattugiata di parmigiano reggiano

del prezzemolo tritato

sale e pepe

PROCEDIMENTO:

Lavate e tagliate via la calotta dei peperoni, poi pulite con cura l’interno dai semi e dai filamenti. Con la forchetta infilzate il fondo dei peperoni (per fargli uscire l’acqua in cottura). Poi mettere da parte i peperoni, preriscaldare il forno a 180 gradi e in una ciotola amalgamare la carne macinata con sale e pepe, le fette di prosciutto crudo sminuzzate, i dadini di formaggio e il prezzemolo tritato. Dividere il composto a metà e inserirlo all’interno dei peperoni, con una bella grattugiata di parmigiano sopra.

peperoni ripieni

i peperoni prima dell’infornata

 

Adagiare quindi i peperoni sulla teglia con della carta forno e farli cuocere per circa 45 minuti, fino a quando il peperone è visibilmente bello abbrustolito:

IMG_5534

 

BUON APPETITO!!

Straccetti di pollo e zucchine con salsa di soia

 

Il pollo è un alimento super versatile e per questo quando ci sono delle offerte formato famiglia le compro spesso, surgelando poi le porzioni ad una ad una in freezer.

Purtroppo però il gusto del pollo è sempre un po’ troppo delicato per i miei gusti, e quindi cerco sempre delle ricette un po’ movimentate per evitare di fare la “solita” fettina di pollo.

L’altra sera avevo mangiato del sushi e quindi stasera ero alla ricerca di una ricetta orientale.

Ho trovato una ricetta che mi ispirava su GialloZafferano, e dopo averla testata ve la propongo, con i dovuti aggiustamenti…la personalizzazione non può mancare nella mia cucina! 🙂

INGREDIENTI per 2 persone:

300gr di pollo

3 zucchine

50 ml di salsa di soia

1 cucchiaio di mile

una spolverata di paprika

il succo di mezzo limone

uno spicchio d’aglio in camicia

olio EVO

PROCEDIMENTO:

Tagliare a striscioline il pollo e le zucchine, poi metterle in una ciotola e aggiungere la salsa di soia, il mezzo limone spremuto, l’aglio, la paprika e il miele.

Amalgamare bene il tutto e lasciare riposare per mezz’ora.

Passata la mezz’ora, in una padella far soffriggere un filo d’olio e poi versare tutto il contenuto della ciotola, salsina compresa.

Cuocere a fuoco vivace per 10-15 minuti mescolando ripetutamente fino a quando il pollo si sarà ben cotto e la salsina sarà del tutto assorbita.

Si può servire con del riso basmati lesso e della birra Asahi.

E la cena è servita con un piatto veloce e gustoso: BUON APPETITO!

 

 

Involtini di pesce spada e stracchino

Involtini di pesce spada e stracchino

 

Con questo caldo la voglia di cucinare e di mangiare qualcosa di caldo è praticamente nulla, ma non mi posso certo ridurre ad andare avanti con scatolette di tonno, mozzarelle e quant’altro…che noia!

Così oggi, mentre vagavo per le corsie del supermercato, mi sono chiesta cosa poter preparare per pranzo, e come spesso succede le offerte della settimana mi sono venute in aiuto: pesce affumicato e stracchino del Nonno Nanni…perchè no?

INGREDIENTI per 2 persone:

100gr. di pesce spada affumicato a fette (circa 6 fette)

120gr. di Stracchino “Nonno Nanni” (o quello che vi pare, ma io ADORO quello del Nonno Nanni!)

una manciata di rucola (andate a occhio!)

mezzo gambo di sedano (anche qua ad occhio, perchè il sapore del sedano deve essere appena accennato!)

sale e pepe

pomodorini datterino e rucola come contorno

PROCEDIMENTO:

Tritate la rucola e il sedano, e poi metteteli in una ciotola con lo stracchino, sale e pepe, amalgamando il tutto per bene finchè non otterrete una consistenza cremosa.

Stendete su un piatto le fettine di pesce spada ad una ad una, adagiandovi su un lato un cucchiaio di ripieno stracchinoso e poi arrotolandole su se stesse.

Tagliate i pomodorini datterino e conditeli con sale, olio extravergine d’oliva e origano.

ET VOILA, il pranzetto leggero estivo è servito!

Straccetti di tacchino al pesto e pomodorini

Era ormai da troppo tempo che il pesto giaceva avvilito nel frigo, visto che durante i giorni settimanali pranzo in mensa aziendale e durante il weekend capita spesso di pranzare fuori.

Così finalmente stasera mi sono decisa a cercare una soluzione alternativa per fare fuori il pesto senza dover per forza fare una pasta.

Devo dire che, incredibilmente,  il risultato ha ampiamente superato le mie aspettative!

Ingredienti per 2 persone:

300gr di fettine di tacchino

farina 00

uno scalogno

vino bianco

5-6 pomodorini

Pesto qb

sale e pepe

un pizzico di paprika

Procedimento: 

Tagliare le fettine di tacchino a striscioline e poi infarinarle uniformemente. Tritare lo scalogno e metterlo a soffriggere in una padella con un filo d’olio. Una volta che lo scalogno sarà bello dorato, aggiungere il tacchino e farlo ben rosolare da entrambi i lati, poi sfumare con del vino bianco e lasciare cuocere per una quindicina di minuti, aggiungendo del vino se si asciuga troppo.

A questo punto aggiungere i pomodorini tagliati a metà, sale e pepe e un pizzico di paprika e continuare la cottura per altri 5-10 minuti, fino a che i pomodorini non avranno rilasciato la loro acqua. Poi spegnere il fuoco e lasciare riposare per altri 5 minuti. Quindi aggiungere il pesto, amalgamare e servire subito in tavola, avendo cura di guarnire i piatti con qualche fogliolina di basilico fresco.

Ve lo assicuro, non potrete fare a meno di fare scarpetta alla fine! 🙂

AGGIORNAMENTO 20/09 : con questa ricetta partecipo al contest “Spezie ed erbe aromatiche” de La Stufa Economica: http://lastufaeconomica.wordpress.com/2013/09/10/secondo-contest-spezie-ed-erbe-aromatiche/

Frittatine con cipolla, pancetta e rosmarino

Frittatina con cipolle, pancetta e rosmarino

Oggi sono in vena di confessioni: ebbene sì, lo ammetto, non sono in grado di girare la frittata!

Le ho provate tutte: dal coperchio al piatto, al super mestolo piatto, ma niente: non sono abbastanza svelta e quindi finisco per spaccare irrimediabilmente la frittata a metà!

Lo so, dovrei proprio imparare a girarla, o quanto meno comprare una di quelle utilissime padelle doppie per negati!


Chissà, magari un giorno la comprerò, ma nel frattempo devo trovare delle soluzioni alternative, e la mia soluzione preferita si chiama FORNO! 🙂

Ma stasera volevo osare qualcosa in più, e così ecco l’idea di usare gli stampi dei muffin per fare delle mini sfiziosissime frittatine!

Ingredienti per 2 persone:

3 uova

1 cipolla

100gr di pancetta affumicata

sale e pepe

parmigiano reggiano

rosmarino

Procedimento:

Tagliare la cipolla e la pancetta a dadini e farle soffriggere (SENZA OLIO, mi raccomando, che la pancetta è già grassa!!!) in una padella antiaderente. Quando entrambi gli ingredienti saranno dorati, togliere la padella dal fuoco e lasciare raffreddare.

Poi separare i tuorli dagli albumi: sbattere i tuorli con sale, pepe e una grattata di parmigiano, e a parte montare a neve gli albumi.

Incorporate la pancetta e la cipolla nella ciotola e amalgamate con il tuorlo sbattuto, poi aggiungere anche gli albumi montati a neve facendo attenzione a non smontarli.

Preriscaldate il forno a 180° e nel frattempo mettete l’impasto nei pirottini da muffin, riempendoli a metà e cospargendoli con il rosmarino.

Fateli cuocere in forno per circa 20 minuti, fino a quando saranno belli dorati, poi spegnete il forno e lasciateli raffreddare 5 minuti al suo interno, in modo tale che non si sgonfino.

Un’insalatina è l’accompagnamento ideale per queste sostanziose frittatine!

BON APPETIT!

@elivarotto

AGGIORNAMENTO 21/09: con questa ricetta partecipo al contest “Spezie ed erbe aromatiche” del blog “La Stufa Economica”:

http://lastufaeconomica.wordpress.com/2013/09/10/secondo-contest-spezie-ed-erbe-aromatiche/