Bavisela: la mia prima Mezza Maratona

Vi ricordate del mio Give it 100 project? Ben 100 giorni fa, in preda alla disperazione e al tempo libero da cassaintegrata, mi ero messa in testa di correre una mezza maratona! Non una qualsiasi, s’intende, bensì la mezza maratona di Trieste, che era stata anche la prima mezza corsa dal mio ragazzo e i suoi amici due anni fa.

Poi, con il nuovo lavoro che fortunatamente è arrivato, l’entusiasmo di portare a termine questo progetto era un po’ scemato, ma la mia “performance” lignanese mi aveva donato nuovo entusiasmo! L’entusiasmo non è però sufficiente se non è supportato da un adeguato allenamento…ed è proprio questo che mi è un po’ mancato, con la scusa che nelle settimane precedenti alla gara il tempo non è stato molto clemente! Lo so, non è una scusa valida…ma alla fine ce l’ho fatta comunque ad arrivare al traguardo ed è questo che conta per il momento, per farmi tornare la voglia di cimentarmi in un’altra impresa!

La giornata è stata tanto bella quanto faticosa, non solo per la gara, ma anche per l’alzataccia mattutina…svegliarsi alle 6 la domenica mattina non è proprio il massimo! Il percorso comunque è stato bellissimo e l’emozione che si prova a correre tra così tanta gente è inimmaginabile!

Un immenso GRAZIE va soprattutto a Giulia, una ragazza che ha corso più o meno vicino a me per quasi tutto il percorso, tant’è che al 12esimo ho attaccato bottone perchè stavo andando in riserva, ed è proprio grazie a lei che ho resistito fino al 16esimo!

Un grazie va anche al mio supporter n°1 che domenica ha fatto il suo personal best…pensando a me che ero anni luce indietro, dico io!

E ora? Ora si pensa a migliorare in vista della prossima gara! Ormai posso dire ufficialmente di essere entrata nel loop dei RUNLOVERS!!!

Advertisements

Marcia del Mare: la mia prima 14km!

E’ incredibile come la corsa sappia rendere le prime volte così memorabili: i miei primi 5, i miei primi 7 (la mia prima gara!), i miei primi 8 in allenamento (eh sì, perchè per preparare i 7 ne facevo al massimo 5 in allenamento…pigrona!), e infine i miei primi 10, anche detti QUARTO DI MARATONA!

Raggiunti i 10 sentivo un po’ il blocco del corridore principiante, consapevole che il prossimo obiettivo era la mezza maratona! e da 10 a 21 ne passa di acqua sotto i ponti, pensavo!!

Così, quando domenica sono andata con il mio ragazzo a Lignano alla Marcia del Mare, pensavo di fare il percorso da 6km, ma visto che Davide faceva quello da 25, non mi andava di aspettare così tanto dopo aver finito il mio percorso, e così mi sono detta: faccio quello da 14, corro fin dove riesco e poi cammino! E invece…. e invece ce l’ho fatta a finire tutto il percorso di corsa!! INCREDIBILE MA VERO!! CHE SODDISFAZIONE!! E ora vedo la mezza maratona decisamente più vicina!

A parte questa piccola auto celebrazione, devo dire che il percorso della Marcia del Mare è veramente bellissimo ed è possibile ammirare degli scorci sconosciuti di Lignano Sabbiadoro: provare per credere, anche solo per una lunga passeggiata armati di macchina fotografica, se non amate correre!

Infine un ringraziamento va al gruppo Apicilia di Latisana che ogni anno si prodiga per organizzare questa e altre bellissime manifestazioni podistiche!

#Giveit100 project: obiettivo mezza maratona

giveit100

 

Come dice il contatore nel sito della Bavisela, mancano 100 giorni alla Maratonina di Trieste, e quindi è il giorno giusto per iniziare il mio personale #giveit100 project!

L’idea che sta dietro a questo progetto è semplice ed efficace: tutto si può imparare/raggiungere in 100 giorni, e per motivarci a perseguire il nostro obiettivo possiamo condividere i nostri piccoli progressi quotidiani con le altre persone. Giveit100.com permette infatti di caricare giorno per giorno un mini video di 10 secondi e condividerlo con il resto del mondo.

Non penso proprio che caricherò video ma mi sono comunque iscritta al sito.

IL MIO OBIETTIVO: CORRERE LA MEZZA MARATONA DI TRIESTE!!

Chi vuole unirsi a me?

A silvia

Silvia, rimembri ancor quel tempo della tua vita mortale, quando beltà splendea negli occhi tuoi ridenti e fuggitivi, e tu, lieta e pensosa il limitar di gioventù salivi?

Non conoscevo Silvia. Ma avevamo molti punti in comune: era giovane, brillante, carina, con un ragazzo più grande di lei ed entrambi condividevano la passione per la corsa. Come me. Sicuramente è per questo che la vicenda mi ha toccato profondamente. E anche perché è successa a Udine. Capita spesso anche a me di andare a correre da sola, proprio perché correre in coppia non è pratico: ognuno ha il suo ritmo e se il più veloce va al passo della lenta non si allena!
Immagino quindi come si è sentito l’amico/frequentante quando ha fatto la macabra scoperta…tutto perché l’ha lasciata correre da sola…
Sinceramente all’ inizio “speravo” quasi in un delitto passionale, magari ad opera dell’ex. Mi sembrava così assurda una morte ad opera di uno sconosciuto con più di 10 coltellate…e invece è andata proprio così.
Chi ha il coraggio di andare a correre da sola per campi adesso? Io no.
Domenica a Udine, Silvia, correrò per te.
Adesso puoi proteggere da lassù tutte le runners.
Ciao Silvia.

 

Kärnten Läuft: la mia prima 10k!

Mi ricordo chiaramente quando iniziai a correre: ero alle medie e in programma c’era il famelico test di Cooper: che consisteva nel correre quanti più giri di campo possibili in 12 minuti.

Essendo praticamente una schiappa in educazione fisica, iniziai a correre per superare almeno quel test…e fu così che cominciai ad appassionarmi alla corsa.

Peccato che per i successivi 10 anni la mia idea di corsa consistette in sporadiche corse di 2 chilometrini scarsi e poi STOP! Giusto per scaricare la tensione accumulata in giornate storte.

Finchè un bel giorno, un anno e mezzo fa, il mio ragazzo e i suoi amici decidono di fare una baraccata e, spinti dalla crisi dei 30 anni, si iscrivono alla Mezza Maratona di Trieste!! E io sono da meno? Certo che no! Quindi mi iscrivo alla Bavisela, la non competitiva da 7k.

il mio “allenamento” dura circa 2 mesi di alti e bassi dove al massimo riesco a correre per 5km, e così vengo miseramente battuta dai miei fratelli minori, che avevano iniziato ad allenarsi addirittura un mese dopo di me!! Che smacco!!

Poi arriva l’estate e passa la voglia di correre, a settembre mi corro una 5k a un ritmo imbarazzante, tant’è che mollo e mi concentro sui miei allenamenti di Curves e Zumba.

Questa primavera però, quando i ragazzi rifanno la Mezza di Trieste mentre io sono a casa, mi torna la voglia di correre, e così decido di iscrivermi al Quarto di Maratona di Klagenfurt.  L’allenamento inizia in sordina come al solito, con me svogliata e il mio moroso che mi urla dietro, ma poco prima delle ferie avviene la svolta: riesco a correre 8k senza essere troppo stanca ed è lì che sento di potercela fare!

E difatti ce l’ho fatta: la mia prima 10 K!! Certo, il tempo è quello che è, ma il mio obiettivo l’ho raggiunto: arrivare a destinazione senza mai smettere di correre!

Il problema adesso è… che non vedo l’ora di correre la mia prossima gara per migliorare il mio tempo!!! Che stia diventando una vera e propria passione? 🙂

IL MIO PROSSIMO OBIETTIVO? SUPERARE IL TEST DEL MORIBONDO! 😀