Europee 2014: chi votare?

Mai come questa volta il nostro voto è decisivo per tracciare il percorso che farà l’Europa nei prossimi anni. E’ di vitale importanza, quindi, arrivare al voto preparati, cercando di capire per bene come si posizionano i diversi partiti nei confronti dell’Unione Europea. Non nego che fino a pochi giorni fa avevo le idee un po’ confuse in merito, sarà perchè non mi sono arrivati i soliti volantini elettorali con annesso programma. E’ quindi necessario non rimanere nell’ignoranza votando il “solito” partito, perchè potrebbe riservarci delle sorprese in termini di ideologie!!

Voglio condividere con voi questo specchietto che mi è stato molto utile nel prendere una decisione, ed invitarvi ad approfondire i programmi dei vostri partiti preferiti su internet, in modo da capire anche qual è il candidato che rispecchia maggiormente i vostri pensieri.

Buone elezioni a tutti! E mi raccomando, andate a votare, ma con la testa!

Advertisements

La Cheba compie 1 anno!!!

Per festeggiare il primo anno di vita del mio blog voglio innanzitutto ringraziare quelle quattro persone che mi seguono e che, con le loro interazioni, mi spingono a continuare a scrivere! Continuate così! 🙂

Vorrei poi proporre la classica classifica divisa in due parti:

1. I 5 POST PIU’ LETTI:

  1. Un pane semplice che più semplice non si può –> alla ricerca del pane perfetto.
  2. Straccetti di pollo e zucchine con salsa di soia –> una ricettina sfiziosa con ingredienti che abbiamo spesso in frigo.
  3. Bibanesi con pasta madre (licoli) –> cercare di imitare i grandi dà sempre grandi soddisfazioni!
  4. Riflessioni di una selezionatrice occasionale –>  cercare di mettersi nei panni dei altri può essere una buona mossa per capire come funziona!
  5. 5 strumenti per migliorare la comunicazione interna aziendale –> anche per le PMI, la chiave del successo sta nella comunicazione.

2. LE 5 PAROLE PIU’ STRANE CERCATE NEI MOTORI DI RICERCA:

  1. ma basta co ste foto coca cola –> Hai ragione, ma scriverlo su Google non aiuterà certo a migliorare la situazione! sarebbe decisamente più utile scriverlo sulla pagina della Coca Cola!
  2. gabbia altre parole cambiando le bb –> ma danno ancora questi compiti alle elementari? Per fortuna che c’è internet che ti suggerisce dei siti completamente non pertinenti! 
  3. le peggio cose di pierino –> Povero Pierino! Era sì un po’ discolo ma non ha fatto niente di male!
  4. dimenticaris la pillola possivble –> ??? e invece dimenticarsi l’italiano è possibile? 
  5. quando devo spegnere per un ragu –> quando senti odore di bruciato forse è il caso che vai a dare un’occhiata!

Bavisela: la mia prima Mezza Maratona

Vi ricordate del mio Give it 100 project? Ben 100 giorni fa, in preda alla disperazione e al tempo libero da cassaintegrata, mi ero messa in testa di correre una mezza maratona! Non una qualsiasi, s’intende, bensì la mezza maratona di Trieste, che era stata anche la prima mezza corsa dal mio ragazzo e i suoi amici due anni fa.

Poi, con il nuovo lavoro che fortunatamente è arrivato, l’entusiasmo di portare a termine questo progetto era un po’ scemato, ma la mia “performance” lignanese mi aveva donato nuovo entusiasmo! L’entusiasmo non è però sufficiente se non è supportato da un adeguato allenamento…ed è proprio questo che mi è un po’ mancato, con la scusa che nelle settimane precedenti alla gara il tempo non è stato molto clemente! Lo so, non è una scusa valida…ma alla fine ce l’ho fatta comunque ad arrivare al traguardo ed è questo che conta per il momento, per farmi tornare la voglia di cimentarmi in un’altra impresa!

La giornata è stata tanto bella quanto faticosa, non solo per la gara, ma anche per l’alzataccia mattutina…svegliarsi alle 6 la domenica mattina non è proprio il massimo! Il percorso comunque è stato bellissimo e l’emozione che si prova a correre tra così tanta gente è inimmaginabile!

Un immenso GRAZIE va soprattutto a Giulia, una ragazza che ha corso più o meno vicino a me per quasi tutto il percorso, tant’è che al 12esimo ho attaccato bottone perchè stavo andando in riserva, ed è proprio grazie a lei che ho resistito fino al 16esimo!

Un grazie va anche al mio supporter n°1 che domenica ha fatto il suo personal best…pensando a me che ero anni luce indietro, dico io!

E ora? Ora si pensa a migliorare in vista della prossima gara! Ormai posso dire ufficialmente di essere entrata nel loop dei RUNLOVERS!!!

Ti amo? No, ti voi ben!

Un 25 aprile all’insegna dei festeggiamenti, quest’anno: si è infatti sposata una mia carissima amica, compagna di scorribande universitarie. Per inciso, è la mia prima amica che si sposa: un inequivocabile segnale che stiamo diventando vecchi!!!

La parte che mi ha colpito di più di questa fantastica giornata è stata quella che non mi sarei mai aspettata di citare: la predica del parroco! Anzi, del monsignor Santarossa, che ha intrattenuto  i presenti con diversi aneddoti, ma soprattutto ci ha fatto notare che in friulano il TI AMO non esiste, si dice semplicemente “TI VOI BEN”.

E quel TI VOGLIO BENE in realtà racchiude in sè un significato molto più profondo di quello a cui siamo abituati.

TI AMO esprime una sorta di venerazione: la persona è messa sul piedistallo e innalzata come prescelto.

TI VOGLIO BENE invece indica un affetto molto più terra terra, ma proprio per questo più vero. Significa che io voglio ciò che è bene per te, e quindi mi adopero per far sì che questo avvenga.

Non ti metto sul piedistallo come una statuetta, ma collaboro con te, giorno per giorno, affinchè noi possiamo stare bene.

Diciamoci quindi più spesso TI VOGLIO BENE e prodighiamoci affinchè questo benessere sia presente nella vita di tutti i giorni!